La Missione

Le Sorelle della Sacra Famiglia cercano come loro particolare carisma di continuare la missione di amore della Sacra Famiglia.
Come la Santa Famiglia, luogo e “custode” della presenza amorosa e salvante di Dio tra gli uomini, desiderano porsi a servizio dell’umanità e della Chiesa per diventare comunità umana in cui Dio si incontra con gli uomini per salvarli.

Partecipando al carisma della Madre Fondatrice, particolarmente sensibile ai bisogni del suo tempo, le Sorelle si dedicano:

  • alla formazione umana e cristiana dell’infanzia e della gioventù;
  • alle attività che promuovono la santificazione della famiglia;
  • al servizio nella comunità parrocchiale;
  • all’animazione di Ritiri ed Esercizi spirituali.

Si prestano pure ad ogni altra forma di apostolato, secondo il proprio spirito e le necessità della Chiesa, in qualsiasi parte del mondo dove si speri maggior servizio di Dio.
Ambito privilegiato per la missione è l’educazione, considerata da Leopoldina come fine principalissimo dell’Istituto.

È un’educazione in senso globale. La persona è al centro di tutte le attenzioni. Ad essa si offrono spazi formativi di crescita umana e spirituale.

Mozambico
Mozambico
P
P
PA
SAM

La Nostra Spiritualità

I tratti caratteristici della spiritualità delle Sorelle della Sacra Famiglia si esprimono:

  • nel desiderio di entrare sempre più nella comprensione del mistero della salvezza manifestato nella Sacra Famiglia
  • nella ricerca della volontà di Dio per collaborare alla realizzazione del suo piano d’amore
  • nella vita di fede, di carità e di confidenza in Dio fino all’abbandono totale di sé
  • nello spirito di famiglia, nell’umiltà, nella mortificazione, nell’obbedienza, nel servizio generoso e senza apparenze esteriori.

In questi passaggi-sintesi sono presenti gli atteggiamenti specifici della Congregazione, così come Madre Leopoldina li ha proposti e la tradizione li ha tramandati fino ad oggi.



Cammino-
Ceramica esterna S Famiglia-
Quotidianità-
Sacra Famiglia-
Sacra Famiglia tondo-
con i bambini-

Il Nome della Congregazione

s famiglia Il nome “Sorelle della Sacra Famiglia”, pensato per noi da Madre Leopoldina, si radica all’interno della Famiglia di Nazareth, nel cui stile siamo chiamate a vivere.

Questo spiega l’importanza della dimensione fraterna nelle nostre Comunità e il riferimento costante alla Santa Famiglia, sintetizzato nella lode del saluto “Sia lodata la Santa Famiglia e sempre sia lodata”, saluto che ci scambiamo all’inizio, al termine del giorno e in momenti particolari.


Lo Stemma

stemmaLo stemma è costituito da due parti fondamentali: il capo e il campo.
Nel capo, a sfondo azzurro, sono impresse le sigle dei nomi di Gesù, Maria, Giuseppe.
Nel campo, a sfondo d’oro, si stacca una lampada a tre fiammelle, sospese da tre catene, che si congiungono in alto in un unico anello.
La lampada è sospesa nel vuoto dell’infinita bontà di Dio.
L’oro puro dello sfondo rappresenta le intenzioni delle Sorelle. Come le fiamme spingono la loro luce verso l’alto e mai verso terra, così le Sorelle della Sacra Famiglia tengono il loro cuore sempre rivolto al cielo e dicono ad ogni momento: “S’innalzi, Signore, la mia preghiera come incenso al tuo cospetto”.
L’anello circolare è simbolo dell’infinito vivente che è Dio.
Le tre catene sospese raffigurano Gesù, Maria e Giuseppe che tengono l’anima delle Sorelle protesa verso il cielo.
Le tre fiammelle rappresentano la devozione delle Sorelle verso le tre persone della S. Famiglia, che sono invocate separatamente e anche tutte insieme. La fusione delle tre fiamme accese da un unico amore, simboleggia la carità di Cristo, che deve ardere nel cuore delle Sorelle della Sacra Famiglia.
Completa lo stemma uno svolazzo con il motto: “Dio solo”. Questo motto era usato dalla Madre Fondatrice nella corrispondenza e negli scritti personali.

Il Carisma del Nuovo Istituto

campanile s domenicoLeopoldina si sentiva fortemente attratta alla solitudine, alla contemplazione e passava lungo tempo in preghiera rubandolo spesso al sonno. Fu favorita da Dio di doni particolari di grazia che portarono l’unione con lui fino a raggiungere l’unione mistica.

Contemporaneamente vedeva le necessità dei suoi tempi, alle quali volle venire incontro con la sua particolare ispirazione, secondo il suo specifico carisma, si direbbe così oggi.
Leopoldina, rifacendosi all’esperienza della vita di Corte e ai contatti avuti con i ceti più elevati della società del suo tempo, si era convinta che solo una seria base di cultura e di convinzioni cristiane avrebbe permesso di superare i pericoli e le contraddizioni cui era esposta la società di allora, specie la donna. Pericoli di frivolezza, di noia, di alienazione e di insensibilità verso gli umili, come pure di inferiorità nei confronti dell'uomo.
Per questo aprì un educandato per le fanciulle nobili e socialmente distinte, non solo di Verona, ma anche delle città del regno Lombardo-Veneto.
Accanto all’educandato, apre anche delle scuole esterne gratuite per le fanciulle prive di mezzi. Non contenta di questo, fa dei suoi conventi case di accoglienza, dove ragazze e signore possono avere incontri formativi, esercizi spirituali e dove le ragazze trovano sereno svago nell’oratorio, insieme ad una forte educazione alla fede.
Inoltre vuole che le sue Suore partecipino alla pastorale parrocchiale con catechesi, preparazione ai sacramenti, incontri di formazione e assistenza privata.

Leopoldina e le sue figlie educarono e formarono generazioni di fanciulle e ragazze alla fede cristiana e alle virtù umane.
Abbiamo una testimonianza coeva del Padre Antonio Bresciani della Compagnia di Gesù, in una lettera scritta il 3 febbraio 1838, alla contessa Teresa Boschetti. “Ho pensato, adunque, e perciò ne scrivo a V.E., che l’Istituto della Sacra Famiglia, nato alcuni anni or sono a Verona, potrebbe soddisfare il genio italiano ed appagare i desideri dei buoni, con una savia, erudita, disinvolta e religiosa educazione. Loro istitutrice fu la signora Leopoldina Naudet, che nei suoi più giovani anni era camerista di S.A.I. l’Arciduchessa Marianna, donna di grande spirito, di finissima cultura e di tanta pietà, che si stanno compilando le memorie della sua vita per mandarle a Roma. Questa Signora cresciuta in Francia e vissuta a lungo nella Corte imperiale, unì la gentilezza dei modi a quella modesta gravità, ch’è propria della nobile nazione tedesca. Di qui questo doppio spirito è penetrato nella sua educazione; ed io il quale credo che le giovani così formate, in punto d’ottima condotta domestica, siano le migliori d’Europa, avrei piacere che questo genere di istruzione si propagasse in Italia”.
Leopoldina morì il 17 agosto 1834 all'età di 61 anni, da santa, come santa fu tutta la sua vita. L’abate Giuseppe Venturi, nel discorso commemorativo tenuto nel primo anniversario della morte, si chiedeva: “E che pretenderò adunque io? Che Leopoldina venga riconosciuta qual santa? Certo questo sarebbe la voce di quanti la conobbero, di tante persone beneficate, di coloro che ricevettero soccorso con i consigli, le istruzioni, le orazioni; di tanti genitori le cui figlie vengono qui a educarsi, a santificarsi: della città tutta che la proclama come santa”. (Orazione nei solenni funerali di anniversario, pp. 44-45   Milano, presso Vincenzo Ferrario, 1836).

Le sue figlie ne raccolsero amorosamente l’eredità e ancor oggi sono presenti, col loro dinamismo apostolico, nella nostra Diocesi, in altre parti d’Italia ed anche in terra di missione, dove portano il nome di Verona accanto a quello di Leopoldina. Ma soprattutto portano il loro carisma di carità e di liberazione umana e cristiana alle giovani e alle donne, perchè assumano l’impegno e le responsabilità nel mondo d’oggi, non meno difficile e problematico di quello che conobbe Leopoldina.


ALMANACCO LITURGIGO

 
stemma fondo traspContattaci - News - CalendarioInformativa Privacy e Cookie

Congregazione delle Sorelle della Sacra Famiglia
Via Fontane di Sopra, 2 - 37129 Verona
Tel: 045.80.03.718
logo un mondo di speranza